MARTE CONTRO VENERE

È il paradigma dell’open innovation: la collaborazione tra grandi aziende e piccole aziende e start-up. Spesso però il dialogo tra due culture e due mentalità molto diverse non è facile e può creare diffidenze e incomprensioni.

In un recente post, Stefan Lindegaard ha analizzato le 7 differenze chiave, le difficoltà e gli atteggiamenti giusti per superarle per avviare un percorso di open- innovation profittevole per entrambi i partner.

VELOCITÀ DEL PROCESSO DECISIONALE

Le grandi aziende, con i loro silos e livelli burocratici, spesso hanno processi decisionali più lenti, che creano frustrazione nei partner più piccoli. D’altra parte, le grandi aziende possono essere disturbate dalla costante spinta in avanti delle aziende più piccole. Per evitare incomprensioni, è importante cercare sempre di concordare una chiara tempistica di ogni fase dell’innovazione.

 

PREDISPOSIZIONE AL RISCHIO

Il modo in cui le aziende grandi e piccole percepiscono l'assunzione di rischi può variare notevolmente. In un’impresa piccola o start-up, l'organizzazione a tutti i livelli può abbracciare interamente il rischio perché “non ha niente da perdere”; in una grande azienda, le persone possono essere portate a un atteggiamento molto più prudente per difendere lo status quo. Anche in questo caso, la differenza può portare a frustrazione da entrambe le parti ed è molto importante fin dall’inizio chiarezza sugli scopi della collaborazione.

ALLOCAZIONE DELLE RISORSE

Una piccola azienda ha tipicamente risorse limitate ed è portata a concentrarle e a gestirle con maggior parsimonia rispetto a una grande azienda. Questo potrebbe causare nella piccola azienda la percezione di avere un partner “spendaccione”; ma c’è anche il rischio contrario, ovvero che la piccola azienda sovrastimi la capacità economica della grande. Il risultato di tale relazione può essere simile ai problemi che sorgono quando due persone con atteggiamenti molto diversi nei confronti del denaro si sposano.

CHI COMPRENDE IL MODELLO DI BUSINESS E CHI LO GESTISCE

In una piccola azienda è più facile che tutti comprendano e si uniscano al modello di business. Le società più grandi tendono ad essere molto più frammentate e lo staff ha meno probabilità di comprendere il tutto. Inoltre, nelle grandi società, le persone si sentono spesso responsabili solo della loro porzione o sfera di controllo, che si manifesta nel poter influenzare decisioni o budget. Questi aspetti possono portare frustrazione per le aziende più piccole, che possono avvertire una mancanza di passione tra i dipendenti aziendali e un rallentamento del processo decisionale.

PROCESSI DI INNOVAZIONE

Molte piccole imprese non hanno ancora definito processi per promuovere l'innovazione e questa è, in teoria, una delle aree in cui la collaborazione con un'azienda più grande può davvero avvantaggiarle. Spesso però le aziende hanno strutturato processi per un’innovazione incrementale (miglioramenti o estensioni del prodotto su scala ridotta) e non per un’innovazione radicale e dirompente, come quella spesso ricercata da un’azienda piccola o start-up.

DIFFERENTI REGOLE DA RISPETTARE

Le grandi aziende hanno delle regole da rispettare e pretendono che anche le piccole imprese si adeguino a queste regole. Questo comportamento porta il rischio di uno sbilanciamento a favore delle grandi imprese, fino a scoraggiare altre aziende più piccole a lavorare con loro.

DIFFERENTI DEFINIZIONI DI INNOVAZIONE

Prima di iniziare un rapporto di collaborazione, le aziende partner dovrebbero addirittura concordare la definizione stessa di innovazione. Le aziende più grandi considerano spesso l'innovazione come un’attività di ricerca per l’implementazione del loro prodotto esistente, che coinvolge il reparto R&D. Al contrario, per un’azienda start-up, l'"innovazione" rappresenta il core business, sviluppato indipendentemente dai prodotti e dalle tempistiche della grande azienda.

IA, PARTNER DI NINESIGMA

Per iniziare un percorso di open innovation, è fondamentale trovare i partner giusti e chiarire fin da subito gli obiettivi e le regole del gioco. InfiniteArea affianca le aziende in questo processo, anche grazie alla partnership esclusiva per l’Italia di NineSigma, leader mondiale nei servizi di open innovation basati sul matching tra imprese che vogliono innovare i propri prodotti e processi in modo rapido ed efficace (seeker) e una rete di oltre 2,5 milioni di esperti in grado di sviluppare soluzioni (solver).

IMPARARE A GESTIRE LE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS

L'IA Executive Program Business Opportunity Management è un percorso di formazione per imparare a monitorare, cogliere e valutare le opportunità di innovazione, dal prodotto al mercato. Con Adriano La Vopa, esperto di innovazione strategica, technology transfer, innovation management e open innovation, e Marco Battistella, head of Innovation in InfiniteArea.

+ MAGAZINE

+ NEWSLETTER

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI.

Infinite Area S.r.l. con sede in via San Gaetano, 113/A, a Montebelluna, 31044 (TV) in qualità di titolare del trattamento dei suoi dati personali (di seguito “Titolare”), rilascia la presente informativa all’Interessato nel rispetto della disciplina europea e italiana in materia di protezione dei dati personali. La presente informativa integra la policy di navigazione del sito web, allo scopo di illustrare all’Utente come il Titolare tratterà nello specifico i dati inseriti nel presente form di contatto: si invita pertanto a prendere visione della nostra privacy policy https://infinitearea.com/privacy-policy/ Finalità e base giuridica del trattamento Se si iscriverà al presente servizio, Infinite Area S.r.l. tratterà i dati personali raccolti per inviare via e-mail la newsletter contenente informazioni sui propri prodotti o servizi, nonché promozioni o inviti ad eventi ai quali parteciperà. La base giuridica consiste nella necessità per la suddetta finalità. Periodo di conservazione dei dati Il Titolare tratterà i dati sino alla cessazione del servizio o all’eventuale richiesta di disiscrizione, se precedente. Natura del conferimento dei dati e conseguenze in caso di rifiuto Il conferimento dei dati è facoltativo, ma il rifiuto di comunicarli comporta l’impossibilità di iscriversi al presente servizio. Ambito di comunicazione dei dati e categorie di destinatari Il Titolare non diffonderà i dati, che saranno comunicati esclusivamente a figure interne autorizzate al trattamento in ragione delle rispettive mansioni, nonché a professionisti, società o altri terzi che svolgono attività in outsourcing e che sono quindi nominati responsabili del trattamento con apposito contratto o altro atto giuridico. Trasferimento dati verso un Paese terzo e/o un’organizzazione internazionale I dati personali non saranno oggetto di trasferimento né verso Paesi terzi non europei né verso organizzazioni internazionali. Diritti degli interessati L’Interessato ha il diritto di effettuare la disiscrizione dal presente servizio in qualsiasi momento e potrà altresì chiedere al Titolare di accedere ai propri dati personali e di rettificarli se inesatti, di cancellarli o limitarne il trattamento se ne ricorrono i presupposti, nonché di ottenerne la portabilità. Per esercitare i propri diritti, l’Interessato può utilizzare il modulo disponibile qui e inoltrarlo al Titolare al seguente recapito: privacy@infinitearea.com L’Interessato ha anche il diritto di proporre reclamo all’autorità di controllo competente in materia, Garante per la protezione dei dati personali (www.garanteprivacy.it).

Presa visione della sopra esposta informativa, chiedo di essere iscritto al servizio di Newsletter di Infinite Area S.r.l. contenente informazioni sui prodotti o servizi di quest’ultima, nonché promozioni o inviti ad eventi ai quali la stessa parteciperà